€ 15,00
SARVAS
Salute Salvezza Tecniche di Rassicurazione e
Salvaguardia Olistica
nel Pensiero Nero Africano


SCHEDA:


Salute e malattia sono condizioni universali antichissime, che suscitano sempre le stesse preoccupazioni e gli stessi interrogativi. Tuttavia, le relative risposte  possono variare considerevolmente da una cultura all’altra. Uno degli approcci dei popoli africani alla malattia consiste nel considerare quest’ultima come uno squilibrio tra il paziente e il suo ambiente fisico e sociale, tra lui, gli altri, i defunti e il cosmo. Il ritorno all’equilibrio, alla salute, dunque, sarà ottenuto per mezzo di una cura che comprenda le pratiche mediche, il sacrificio e la riconciliazione, in cui la presenza della comunità è imprescindibile. L’angoscia provocata da rapporti conflittuali con una o più persone può disturbare notevolmente i processi fisiologici dell’individuo. In gran numero dei casi ci si ammala per cause sociali.
L’esperienza della malattia è difficile perché minaccia l’ordine e i significati con cui diamo un senso alla nostra vita. Malattia, sofferenza e morte pongono interrogativi di significato, come: “Perché è capitato proprio a me?” “ Perché proprio adesso?”  “Chi è responsabile?” “Come mai Dio ha permesso che succedesse?” “Perché i buoni soffrono e i cattivi se la godono?”.  E così via. Il guaritore africano affronta anche i problemi di significato dei sofferenti. Perché egli parte dalla concezione che la sofferenza è sperimentata da persone, non solo da corpi, e deriva dalle sfide che minacciano l’integrità della persona in quanto entità complessa di natura sociale e psicologica. Molti malati possono cercare aiuto e guarigione soprattutto per le sofferenze e l’afflizione, e solo in secondo luogo per la malattia stessa, e quindi non di rado sono profondamente delusi dalla cure mediche di stampo occidentale che identificano solo la malattia – seppure c’è – come oggetto esclusivo di cure. Ecco perché presso i guaritori africani, spesso dagli occidentali tanto disprezzati ma altrettanto sfruttati nei loro saperi sulle piante medicinali e sulle tecniche, senza il minimo di riconoscimento, guarigione e religione operano sempre interattivamente. Sono queste le tematiche affrontate nel presente volume.

 
 

Autore: Pedro Francisco Miguel
Nella sua vita, si è dedicato allo studio delle
fisolosofie e della religione tradizionale africana, con una particolare attenzione ai Bantu e ai culti afrobrasiliani. Ha svolto i suoi studi in Africa e in Brasile e si è anche laureato in Filosofia presso l'Ateneo di Bari, dove insegna Sociologia delle Relazioni Etniche.

   
DATI TECNICI:

Formato: 17x24

 

Pagine:    128